di Benedetto Fenoaltea e  Luigi Gabriele Omiccioli

Nei giorni scorsi, molti giornali italiani e stranieri hanno aperto le loro prime pagine sulla notizia del rifiuto di Virginia Raggi alle Olimpiadi a Roma del 2024.

La sindaca di Roma, ha infatti rinunciato a quella che molti ritenevano una importante occasione per la città.

La capitale d’Italia, era ormai da tempo nella lista delle città candidate per le Olimpiadi del 2024. La decisione della sindaca di non consentire lo svolgimento dei giochi olimpici è stata motivata dalla necessità di risolvere prima i problemi più importanti della città a partire dalla pulizia e ristrutturazione delle strade, sistemazione dell’illuminazione pubblica, desiderio di colmare il debito finanziario creato dalle precedenti amministrazioni.

Tuttavia, le intenzioni della Raggi, per quanto buone, si sono scontrate dapprima con la volontà del Presidente del CONI Giovanni Malagò, di far svolgere ugualmente le Olimpiadi e del Governo. A rimanere, però, più scontenti, sono stati i cittadini di Roma convinti che lo svolgimento delle Olimpiadi nella città eterna, avrebbe portato un grande afflusso di turisti e maggiori investimenti.

Roma ha così visto tramontare la possibilità di essere nel 2024 sotto i riflettori del mondo intero per un grande evento sportivo.

Speriamo solo che ora, la Sindaca, realizzi quanto promesso in modo da non perdere in futuro, ancora una volta il treno…

 

 Associazione Culturale "In Puero Spes " Cod. Fisc. 97907030585

Benvenuto, sei il visitatore n.