di Giuseppe Scardaccione

Che aspetto avrebbe Marte se al posto del suo terreno secco e deserto ci fossero laghi tanto grandi da fare invidia a quelli della Terra? 

La risposta è stata elaborata dai tecnici del NASA's Conceptual Image Lab, che hanno ricostruito un ipotetico e remoto passato marziano in cui l'atmosfera del giovane pianeta, un tempo ancora sufficientemente spessa, e calda, avrebbe potuto supportare - forse - la presenza di acqua sul suolo

Quattro miliardi di anni fa i canyon che Curiosity ci ha mostrato finora avrebbero forse potuto ospitare ampie distese di acqua, un ingrediente essenziale per la vita, che oggi non può esistere allo stato liquido sul pianeta rosso a causa della bassa pressione atmosferica e delle estreme temperature sulla superficie. 

Le foto mostrano l'evoluzione del pianeta da possibile pianeta abitabile a deserto di polvere rossastra, così come lo conosciamo noi.

L'animazione video è stata invece creata con l'aiuto degli scienziati della missione MAVEN (Mars Atmosphere and Volatile Evolution) una sonda che analizzerà la composizione dell'atmosfera marziana e studierà l'evoluzione del clima sul pianeta, il cui lancio è fissato per il 18 novembre prossimo.

Le immagini del pianeta rosso secondo le ricostruzioni della NASA

 Associazione Culturale "In Puero Spes " Cod. Fisc. 97907030585

Benvenuto, sei il visitatore n.